Un po’ di storia sugli alfabeti veneti (le incongruenze)

Giusto per dare un’idea della storia degli alfabeti utilizzati
Nei secoli l’alfabeto veneto adoperato era molto variabile e irregolare, ecco degli esempi ordinati per secolo:
  • “Libro de miser Tristan”, XIV sec.: <x> per /z/, <z> per /θ, ð/, <ch> per /k/, <gh> per /g/.
  • Tra il XIV sec. e i primi decenni del XV sec. c’era chi scriveva uguale al Tristan e chi invece aveva <z> per /ð/ e <x, ss> per /s, z/ indistintamente, e tutti avevano in più anche <ç> per /θ, ð/, per non parlare di <ch(i), i> per /t͡ʃ / e <gh(i), gl(i)> per /d͡ʒ/.
  • Angelo Beolco nel XVI sec. aveva <z> per /θ, z/, e <x> per /s, z/, <ch> per /k/, e <gh> per /g/.
  • Nel XVII sec. si aveva <s> per /s, z/, <z> per /z, θ, ð/, e <ss> per /s/.
  • Nel XX sec. tanti usano <z> per /θ, ð, z/, <s, x> per /s, z/, <m> per /m, n/, la scrittura castellanizzata del chipileño usa <zh> per /θ/ e <ṡ> per /z/.

 

Nel “Vocabolario veneziano e padovano co’ termini e mòdi corrispondenti toscani” di Gasparo Patrirchi, versioni del 1775, 1796, e 1821, si usava la <ch(i)> per /t͡ʃ /, e la <gh(i)> per /d͡ʒ/.

Annunci