Facebook a i tenpi de l’ Akadèmia

koretori ortogràfegi: LibreOffice, Mozilla

stromenti: ParNoDexmentegar

LIBRO DE GRAMÀDEGA: Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.

 


Unkuò voría kontar un fià la mea so na ròba ke la xe veñúa fòra da poko. O sia el fato ke sta Akadèmia de la Bona Kreansa, na istitusion privàa ke la vòl inseñar la “lengua vèneta”, no se sà kuala variante, ma me pense kuela de Viŧenŧa — kuindi no la saría “lengua” vèneta, ma la variante viŧentina de la lengua vèneta. Bè, fato stà ke sti kuà i vòl portar, paʼ ʼl inisio de ʼl 2020, facebook in “lengua vèneta” (variante viŧentina de la lengua vèneta dixaría mi).

Ma ʼndemo ko órdene.

El xe veñúo fòra un kartèl, pikà a la sagra da Santa Lucia de la Piave indove ke se pò l véder la skrita in granda “BIȽIETARÍA” (o una pi in cèo “biƚieto”). Dèso, mi no soʼ nisuni, ma no gò mai e pòi mai sentío na èle vanesente ke no la sipie infra do vokali o inisial de paròla (“alà”, “late”), e mi me domando: da ʼndove xe ke la vièn fra kuela Ƚ??? mah… Magari no i sà ankora skríver ʼte la ortografía ke pròpio lori i gà propòsto!
Ponto do, un vídeo ke ʼl parla se ʼl se dovaríe doparar la <x> o la <z>. Intando i dixe “è più corretta la X o la Z”. Parlémose caro, al dí de unkuò no se pòl parlar de ròba korèta o no korèta, parké no la ge xe ñankora na ortografía ufesial de la lengua vèneta. Pò i analixa solke UNA òpara (de Goldoni, kome se in Vèneto nesuni gavese mai skrito ñente altro) e i dixe ke la <x> la se doparàa solke inte ʼl vèrbo èsare. Va ben, Goldoni el skriveva kusita parké le soe le jèra de le komèdie de teatro ke le gavéa da èser kapíe da tuti, e de seguro la xente skoltàa el teatro, no lo lexéa mia. Pò i parla de solke UN disionario (de venesian, el Boèrio) e i pensa ke sikome ʼl autor el gà destinà mèxa pàxena a la <x> e 21 a la <z>, kome se no ʼl gavese mea skrito “Comunque sia, io fo di pubblico diritto il mio Dizionario vernacolo, e mi pregio di presentarlo a voi Veneti colti […]” e “Tutti gli usi e le regole della grammatica italiana sono mantenuti ove non siavi il contrasto della pronuncia che alteri la parola.” e “LʼOrtografia del dialetto ha non meno impegnato le mie sollecitudini; e per questo conto non ho mancato di attenermi […] agli Autori che abbiamo a stampa […]. Io son per altro dʼavviso che la prima regola dellʼortografía dʼuna lingua sia quella di scrivere, se sia possibile, come si parla. Se leggiamo delle scritture veneziane antiche, […] Carlo Goldoni scrittore del secolo ultimo scorso dovrebbe anchʼegli aver conosciuto questa regola [di Dario Varotari “un poʼ più corretto ma lontano dallʼimitare colla scrittura la semplicità del nostro parlare”] e aversene fatto carico; ma o chʼegli credesse inutile, o che volesse seguitare gli usi dei suoi contemporanei, o forse che avesse lo scopo dʼessere più facilmente inteso daʼ Toscani, le prime edizioni delle applaudite sue opere veneziane sono zeppe di queste cacofonie” inte lʼ introdusion de ʼl só vokabolario, e ʼlora tuti i doparéa la <z> (par farse kapir da i toskani…).
Ma tuto kuesto kome se capando UNA òpara e UN vokabolario uno el poese dir tuto de kome ke se skrivéa ʼte ʼl pasà par i vèneti (e nò par kelaltri).
E pò, i dixe anka ke la só <z> (kuela de ʼl Boèrio) el gà da lèxarse kome /z/ (ròba konpletamente falsa, parké a lʼ èpoka la jèra lèta da le parsone de sità kome /θ/, el ‘th’ de ‘thinkue’)!!
I dixe pò ke <z> la se lexaría /z/ in molte lingue europèe, kome se ste lengue kua no le gavese altre létare ke le se lèxe konpañe de na /z/, o ke in sèrte varianti o in sèrte poxision no se lexese <z> kofà /ʒ/ o /θ/, o /s/…
Ma ge saría anka altre ròbe ke i fala in kuel vídeo là ke se podaría ʼndar vanti nʼ altra mèxa ora parlàrgene.

Lori, a kuanto senbra, i dopara la GVU un fià senplifikàa (ñente tratin par lèxer <sc>, ñente <q>), e fin kuà el và ben… parò i dopara el digrafo <nj> par raprexentar el sòn de lʼ mé <ñ> (o <nh>), e kuesto el xe un problèma par lori parké no i podarà mai skríver ‘injathar’ kome ke i lo dixe a Konejan, /injaθar/ (parké saría /iɲaθar/), kuindi no la xe na grafía ke la và ben par tuto el Vèneto. Anka parké no señando i asenti e no metendo i apòstrofi indove ke i serviría davero…
El só alfabeto pò el xe difísil da lèxer par parsone de altre varianti, e ‘l fà konparasion tra el só alfabeto vèneto e kelaltri alfabeti, kome ke gavese da èser pí xgualivi a kelatri ke se pòl. La lengua vèneta la xe de i Vèneti, nò de kelaltri o par kelaltri.

Sèrve kontar altro?

N’ altra domanda

koretori ortogràfegi: LibreOffice, Mozilla

stromenti: ParNoDexmentegar

LIBRO DE GRAMÀDEGA: Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.

 


Èko, son rivà védar na paròla ke no savéa… in italian la xe skrita “ciuì – regolo comune (uccello)”, ma kome xe ke la se dixe? [tʃi’wi]? [tʃiu’i]? [tʃu’i]? [‘tʃwi]? Maledeti ki ke i gà doparà ‘l alfabeto italian!

So ‘l parké no se pòl skríver tuti konpaño e un el lèxe kome ke ‘l vòl

koretori ortogràfegi: LibreOffice, Mozilla

stromenti: ParNoDexmentegar

LIBRO DE GRAMÀDEGA: Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.

 


Par kaxo gavé mai pensà a sta solusion ke se poese skríver tuti konpanho e pò un el lexe kome ke la saríe la so‘ variante?

Vedemo se ‘l xe posìbil.

I grafèmi (o, se me parmetí ‘l analoxía drio el mé alfabeto, i fonèmi) de la lengua vèneta i xe:

a b c d đ é è f g i j ɉ k l ƚ m n ñ ó ò p r s t ŧ u v x

Vedemo de far na scantineta de anàlixi.

E-A Sèrte ‘òlte, vanti de na R, in poxision nò tònega, la A la xe la sostitusion de na E (èser > èsar)
Altre ‘òlte invese nò (karnevaƚe > karnavaƚe, el > al)
V-B Sèrte ‘òlte, in prinsipio de paròla, la B la xe la sostitusion de na V (volp > bolp)
Đ-X-D Par sèrte varianti, la D e la X la na letura difarente de la Đ (vèrđer > vèrder/vèrxer)
É-Ó Par sèrte varianti, la xe la vokal de reprísteno e de tronkamento par sèrte altre, ki pi e ki manko (parlar <-> parlaremestièr > mestièro, braŧo > braŧ)
J-Ɉ Par sèrte varianti, la Ɉ la xe na letura alternativa de la J (jèri > ɉèri)
Ŧ-F Par sèrte varianti, in prinsipio o in final de paròla, la Ŧ la xe na letura alternativa de la F (fémena > ŧémena, kòrf > kòrŧ)
Ŧ-S Par sèrte varianti, la S la xe na letura alternativa de la Ŧ (ŧavata > savata)
U-Ó Par sèrte varianti, la Ó la xe na letura alternativa de la U (kuando > koando)
D-T
G-K
Đ-Ŧ
X-S
Par sèrte varianti, le D, G, Đ, X le pòl insordirse e deventar T, K, Ŧ, S (fredo > fret)
R-D Par sèrte varianti, la D la pòl èsar xontàa ko epèntexi, e la vokal vanti de la R desfantarse (Véner > Vendre)
N-I
L-I
Par sèrte varianti, el plural de le paròle ke le fenise par N o L el pò ‘ver la sínkope de sta konsonante (botoni > botói)
G-‘
V-‘
Par sèrte varianti, la G e la V inisial de paròla la pòl kaskar (volta > ‘olta, gonfio > ‘onfio)
É-È
Ó-Ò
Sèrte varianti le ga la vertaura de le vokali difarente (vòlta > volta)

Gòi da ‘ndar ‘nkora vanti?

 

In pi xe xonta forme partikolari de paròle e de kostrusion de le frasi típege de na sèrta variante (ti te <-> tu te <-> ti tu, aver -> gaver, …).

 

Konkluxion: el xe inposíbel skríver tuti konpaño e pò un el lèxe kome ke se kostuma ‘te la so variante. O, par karità, se podaría anka lu, ma sol ke par le paròle, ma ge voría un alfabeto grando trè ‘òlte tanto. Ma a sto ponto, visto ke xà le paròle le xe difarenti da variante a variante (e anka na variante la pòl ‘ver na paròla ke no ge xe in altre varianti), parké no lasar skrívar le parsone kome ke le vòl? kome ke le se ga senpre dito ‘te la so‘ variante? kome ke le maña?

Un fià de libri e kolegamenti interesanti

koretori ortogràfegi: LibreOffice, Mozilla

LIBRO DE GRAMÀDEGA: Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


 

Unkuò voría kondivíder un fià de libri ke gò e ke i xe interesanti asè (par tèñerve inpeñài durante sta fin de le vakanse). No i varda tuti sol ke la lengua Vèneta ma i va ben isteso.

Pò, ge xe el sito de uno ke no ‘l responde mai a nisuna domanda ma ke ‘l gà tante paròle de la variante feltrina/belumata (se savì kome lèxer le paròle bon pa’ voaltri, altrimenti lu no ve lo dirà mea).

El wikipedia vèneto (la pàxena la xe kuela ke la deskrive le varie grafìe ke ge n’ é al dì de unkuò).

El sito de Luciano Canepari, un lenguista venesian ke la sà longa.

Sani

Un fià de statístege

[koretori ortogràfegi: LibreOffice, Mozilla;

LIBRO: Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.]


 

Unkuò voría kondivíder un fià de gràfegi ko voaltri.

So’ un total de skuaxi 24 milioni de paròle únike se gà:

longesa de le paròle

longesa de le paròle in sílabe

poxision de l’ asento (sílaba) a partir da la fine de la paròla

 

Par òvio ke intʼ un diskorso ste frekuense le xe asè difarenti (e ke le longese de le paròle le xe asè influensàe da i tanti vèrbi ke ge xe). Sti kuà i xe solo ke i gràfegi rekavài da ‘l vokabolario de vèneto e basta.

Sensa kontar i vèrbi le frekuense le saría invese:

Un regolhamento par lha thèrnita de na grafìa

[koretori ortogràfegi: LibreOffice, Mozilla;

LIBRO: Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.]


In sti xorni se ga parlà tanto de bando pa’ lha grafìa vèneta. Vorìa prexentar kuà un dokumento ke gò skrito (ke no ‘l xe kuelho adotà da ‘l bando!) e ke ‘l và na scantineta fòra da i argomenti sòlhiti ke skrivo in sto blòg.

El xe sol ke na mé proa de kome ke ‘l pòl èser un regolhamento par thernir na grafìa, e el xe skrito in italhian, skuxème.

Kòsa xe ke ne pensé?

Art. 1 – Norme generali
  1. Il presente regolamento ha la funzione di disciplinare gli aspetti operativi della nomina di una proposta di grafia e, più in generale, dei lavori della commissione.
  2. Viene reso pubblico a tutti i commissari questo regolamento entro la mattina.
    Tutti i commissari sono tenuti a sottoscrivere questo regolamento entro il 2° (secondo) giorno dalla sua pubblicazione.
    Vige la disciplina del silenzio-assenso.
  3. Tutti i commissari sono tenuti a giurare di essere imparziali e obiettivi nei voti che daranno.
  4. Un commissario può decidere di non far più parte della commissione, in questo caso dovrà rendere palese a tutti gli altri commissari la sua intenzione, e i suoi voti non verranno presi in considerazione.
  5. La commissione sarà composta da un numero di membri non inferiore a 3 (tre).
  6. Il sistema di votazione si basa sul sistema maggioritario (uni- o pluri-nominale) a voto opzionale preferenziale a maggioranza assoluta.
    Questo consente di riprodurre in maniera sincera e fedele le intenzioni dei commissari. Inoltre, l’esprimere una graduatoria prescinde dall’entità delle diverse votazioni che ciascuno può dare alle singole proposte, evitando in tal maniera che voti troppo “stretti” alle proposte vadano a modificarsi con eventuali voti troppo “larghi”, dando risultati falsati.
  7. Per la scelta della proposta vincente si userà il sistema elettorale di Nicolaus Tideman (Ranked pairs).
  8. Le variabili che possono essere cambiate, secondo i tempi e i modi indicati all’art. 2,
    sono:

    1. la durata della presa visione delle proposte.
    2. la durata della discussione delle valutazioni.

 

 Art. 2 – Cambiamenti al regolamento
  1. I commissari possono, a discrezione, decidere di modificare questo regolamento.
  2. Deve essere inviata una notifica a tutti i commissari indicanti i punti o le parti da modificare e la loro modifica.
  3. I commissari discuteranno le modifiche, eventualmente le cambieranno, e successivamente ne daranno approvazione, ovvero le rigetteranno.
  4. L’approvazione o la disapprovazione da parte dei commissari deve essere data entro il 2° (secondo) giorno dalla data di notifica del o dei cambiamenti apportati, che dev’essere fatta entro la mattina.
  5. Il regolamento può essere modificato previo assenso della maggioranza relativa dei commissari.
    Vige la disciplina del silenzio assenso.

 

Art. 3 – Presentazione delle proposte
  1. Ogni proposta dovrà giungere corredata da nome e cognome del presentante, luogo di nascita, luogo di domicilio (se diverso dalla nascita), e da un indirizzo email (in alternativa un numero di telefono) per i contatti.
  2. Ogni proposta dovrà descrivere la grafia in ogni suo aspetto (es. dai grafemi ai fonemi e all’accentazione) e dovrà essere corredata da una tabella delle corrispondenze grafema-fonema, e da un breve testo di esempio scritto con la grafia proposta.
  3. Ogni proposta dovrà indicare gli autori o co-autori e, opzionalmente, ogni eventuale persona che ha contribuito indirettamente alla stesura della stessa e che non è definibile come autore.
    È definito autore il creatore di un’opera dell’ingegno, ovvero chi, per primo, ha inventato qualcosa non precedentemente esistente. Non è un autore chi ha partecipato alla creazione in modo accessorio, indirettamente influenzando l’autore nelle sue scelte, senza apportare di sua mano elementi innovativi nell’opera.
  4. Eventuali proposte ritardatarie, o integrazioni a proposte già presentate, possono venire prese in considerazione previo assenso della maggioranza relativa dei commissari secondo i tempi e i modi indicati all’art. 2.
  5. Eventuali proposte che non dovessero rispettare i punti 3.1, 3.2, e 3.3 verranno scartate.

 

Art. 4 – Consultazione delle proposte
  1. Le proposte verranno rese anonime togliendo qualsiasi riferimento al proponente. I commissari non dovranno essere a conoscenza delle corrispondenze per garantire l’imparzialità e la non-interferenza.
  2. Rese consultabili le proposte depositate modificate come nel punto 4.1 entro la mattina, i commissari ne prendono visione fino alla mezzanotte del 5° (quinto) giorno.
  3. I commissari possono discutere e portare alla luce eventuali irregolarità nelle proposte presentate entro e non oltre la mezzanotte del 2° (secondo) giorno dalla data di presa visione.
    Le irregolarità verranno risolte secondo i tempi e i modi indicati all’art. 2.
    La risoluzione delle irregolarità non entreranno nel computo dei giorni riservati alla consultazione.
  4. Durante la presa visione i commissari si asterranno dal rendere palese (direttamente o indirettamente) la loro votazione, in ogni modo e attraverso qualsiasi strumento o canale, prima dello scadere della consultazione, pena la decadenza dalla commissione.
  5. E’ consentito chiedere spiegazioni o chiarimenti ai redattori delle proposte. Le richieste e le relative risposte devono essere rese pubbliche a tutti i commissari.

 

Art. 5 – Valutazione delle proposte
  1. I voti dovranno essere tra 0 (zero) e 5 (cinque) compresi, dove 0 (zero) significa “criterio non soddisfatto”, 1 (uno) “scarso”, 2 (due) “quasi sufficiente”, 3 (tre) “sufficiente”, 4 (quattro) “buono”, e 5 (cinque) “criterio pienamente soddisfatto”.
  2. I criteri per i quali si dovranno esprimere i voti saranno 6 (sei):
    1. facilità di lettura/scrittura: la grafia deve essere semplice da leggere e da scrivere.
    2. possibilità di scrittura elettronica: deve essere possibile (e semplice) scrivere e leggere con qualsiasi strumento in uso attualmente (ad esempio con una tastiera per computer, tastiera per telefonino, etc)
    3. rappresentatività: la grafia deve poter rappresentare tutte le varianti della lingua in questione.
    4. ambiguità/opacità: la grafia deve essere meno ambigua e opaca possibile (quindi un voto pari a 0 (zero) significa molto ambigua/opaca, mentre 5 (cinque) significa per nulla ambigua/opaca).
    5. coerenza: la grafia deve essere coerente con sè stessa.
    6. chiarezza espositiva: la grafia è spiegata bene in ogni sua parte, senza ambiguità né contraddizioni.
  3. Un commissario non può votare una proposta di cui è autore o co-autore per evitare conflitti di interessi.
  4. Non è ammesso il voto per delega
  5. Per ogni voto minore di 5 (cinque) si scriverà una breve nota in cui si espone la motivazione del numero espresso.
    Per un voto 5 (cinque) il commento è opzionale.
  6. Non sono ammessi voti non espressi all’interno di ciascuna proposta.
    Se una proposta non è stata votata se ne scriverà una breve nota esponendo le ragioni.
  7. Dei voti dati nelle categorie menzionate al 5.2 se ne farà poi una media (aritmetica o pesata a discrezione del commissario votante) e si fornirà 1 (un) solo voto arrotondato per eccesso alla prima cifra decimale per l’intera proposta.
  8. Se il commissario votante applicherà una media pesata, la stessa formula deve essere applicata a tutte le proposte.
  9. Le proposte verranno quindi ordinate secondo un ordine di preferenza, dal voto globale più alto a quello più basso.
    E’ possibile avere più proposte con lo stesso livello di preferenza.
  10. Qualora un commissario non adempiesse ai punti elencati all’art. 5, detto commissario decadrà dalla commissione, e tutte le sue votazioni non verranno prese in considerazione.

 

Art. 6 – Discussione delle valutazioni
  1. Entro la mattina del giorno dopo della scadenza delle valutazioni i commissari sono tenuti a rendere palesi i loro voti (uno per ciascuna categoria, il voto globale, le eventuali note, l’eventuale formula usata per ottenere il voto globale se diversa dalla media aritmetica, e la classifica ordinata dalla prima all’ultima scelta delle proposte votate).
  2. Dal pomeriggio del giorno dopo della scadenza delle valutazioni si procederà alla discussione degli stessi.
    Cambiamenti possono essere eventualmente fatti ai propri voti, alle note, alla formula usata per calcolare il voto globale, e alla classifica, in base a quanto emerso dalla discussione.
  3. La discussione delle valutazioni terminerà alla mezzanotte del 3° (terzo) giorno dopo l’inizio della discussione dei voti.
  4. La durata delle discussioni sulle votazioni è modificabile previo assenso della maggioranza relativa dei commissari secondo i tempi e i modi indicati all’art. 2.

 

Art. 7 – Svolgimento dello scrutinio
  1. Si calcola la differenza — chiamata margine — nel numero di voti tra tutte le coppie di proposte in tutte le schede elettorali.
  2. Successivamente si ordinano i margini in ordine decrescente di differenza.
  3. Si costruisce quindi un grafo iterando attraverso la lista ordinata dei margini dalla differenza più grande alla differenza più piccola, aggiungendo un arco che punti dal candidato vincitore al candidato perdente di ciascun margine.
    Se l’aggiunta di un arco di un margine introdurrebbe un ciclo, il margine viene ignorato.
  4. Il candidato vincente è il candidato che non ha archi che puntano verso di lui una volta che il grafo è stato completato (cioè è un nodo sorgente del grafo completato).

 

Art. 8 – Verbale delle operazioni elettorali

  1. La commissione provvederà a redigere i verbali delle operazioni di voto e di scrutinio che verranno conservati agli atti.
  2. Il verbale delle operazioni di voto riporta:
    1. Il numero e il nome dei commissari votanti.
    2. Il numero e il nome dei commissari dei voti validi.
    3. Il numero e il nome dei commissari dei voti non dati, cioè quando il commissario non ha espresso nessun voto su nessuna proposta, ovvero non si è attenuto alle disposizioni contenute nell’art. 5.
    4. Il numero e il nome dei commissari dei voti nulli, cioè quando il commissario ha manifestato palesemente l’intenzione di non esprimere alcuna preferenza.
  3. Il verbale di scrutinio riporta:
    1. Il risultato dello scrutinio con le proposte ordinate secondo le preferenze dettate dalla commissione e determinate dal metodo descritto all’art. 5.
    2. I motivi di esclusione, ovvero di non vincita, ovvero di vincita di ciascuna proposta.
  4. Il verbali dovranno essere pubblicati a tutti i commissari entro la mattina del giorno dello scrutinio.
  5. I verbali dovranno essere sottoscritti da tutti i commissari entro la mezzanotte del 2° (secondo) giorno dalla data di pubblicazione degli stessi.
    Vige la disciplina del silenzio-assenso.
  6. Qualora siano stati resi palesi errori nella forma o nel contenuto dei verbali questi devono essere corretti e ripubblicati a tutti i commissari, ripetendo la procedura descritta nell’art. 8.

 

Art. 9 – Risoluzione e scioglimento
  1. Redatti i verbali descritti all’art. 8 il lavoro della commissione può considerarsi concluso.
  2. Tutti i commissari e i proponenti verranno notificati del risultato ottenuto, indicando i motivi di esclusione, ovvero di non vincita, ovvero di vincita della propria proposta.

Swiftkey Keyboard

[koretori ortogràfegi: LibreOffice, Mozilla;

LIBRO: Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.]


*** !! Adhornamento !! ***

Gò deskovèrto ke no i gà mea doparà la mé grafía, ma kuela de la Akadèmia de la Bona Kreansa… e no i me lo gà mea dito!

 


*** Gò el sospèto ke no i gapie mea doparà la me grafìa!
Gò domandà spiegasion. Stemo véder. ***

 


 

Ko la version 6.6.6.21 pena butàa fòra kueli de la tastièra Swiftkey par sistèmi operativi Android i gà xontà la lengua vèneta a la só lista ke la jèra xa bastansa longa da sí! Fège un xiro e dixeme kome ke la ve par (no la xe parfèta parfèta ma almanko el xe un inisio).

Podé proarla deskargàndola da sto link: Swiftkey.

So’ la j

Unkuò parlemo de la /j/, o mèjo de la <j>.

Ge n’ é sèrte paròle ke, in italian, le gavaría <gl(j)> mentre in vèneto le gà <j>. Parké? El pò èser forsi parké, dopo na trasformasion Vgl(i) > Vlj, la <l> la xe rente de na <i> kofà in xilio, ‘alio’, ‘òlio’, ‘malion’ e ‘lora le se dixe kome se la ge fuse na /j/ e kuindi se gà skomensià skríverle ko na <j> (xijo, ajo, òjo, majon)? Dixéndolo mèjo, da na banda sèrte paròle ke in italian le gavéa ‘Vgl(i)’ le se gavéa skomensià skríverle ko ‘Vli’ (par via de la mankansa de ‘l sòn /ʎ/), da kelaltra invese la letura de ‘li’ kofà /j/ el gà trasformà kuele paròle ko na skritura ko <j>.

El pòl èser kuesto el kaxo? El pòl èser anka ke i venesiani i lèxa le <j> kofà <jh>, o ‘l xe stà na derivasion independente dirèta da gl(i) > jh mentre ke in altre parti de ‘l Vèneto se gà vúo gl(i) > li > j? A ste domande no sò ankora respónder.

Kuesto, ankora, el vòl dir forsi evanesensa anka ko (V)lj? (el kaxo ko ljVlV el jèra xa stà kuèrto da VlV, e ljlV el xe inposíbil kuindi no ‘l pòl mai kapitar) no ‘l saríe strano…

 

PS. Forsi par paròle “vèce” kofà òjo e ajo saríe pi korèto parlar de latin, pitòsto ke de italian.